Smalto semipermanente

Per le donne avere mani curate è un  ottimo biglietto da visita.

Purtroppo però, soprattutto quando si lavora o quando si hanno figli, diventa difficile mantenere una manicure perfetta e ci si lascia andare.

Lo smalto è bello quando è appena messo, ma se inizia a sfaldarsi l’effetto è a dir poco orribile. Si comincia ad avere un aspetto sciatto e trasandato.

Colate e ricostruzioni hanno un effetto un pò aggressivo sull’unghia, una via di mezzo però, per avere sempre mani belle e curate, è lo smalto semipermanente.

Il semipermanente non può essere applicato solo dall’estetista, ma con un pò di pazienza e gli strumenti giusti è facilissimo farlo anche da casa.

Basta acquistare prodotti buoni e la classica lampada a raggi UV.

L’applicazione è molto semplice e ci si può divertire a imparare con le amiche, seguendo le istruzioni che generalmente affiancano gli smalti semipermanenti.

Una volta fatta la manicure bisogna passare sull’unghia il buffer (una limetta a forma di mattoncino che serve a limare la superficie dell’unghia) per renderla liscia e senza residui di smalto.

Successivamente a questa operazione è necessario applicare la base trasparente e farla asciugare nella lampada per il tempo indicato nelle singole istruzioni.

Poi è la volta dello smalto colorato, che va a sua volta asciugato nella lampada. Infine bisogna passare uno smalto lucido top coat e inserire di nuovo le mani nella lampada UV.

Come ultima operazione è necessario utilizzare uno sgrassatore, anch’esso acquistabile insieme agli smalti, per eliminare eccessi di grasso dall’unghia ormai pronta.

Una tecnica semplice e molto utile per sembrare sempre appena uscite da un centro estetico.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Tempo esaurito. Ricarica il codice!