Barbie e Ken in versione nipponica

L’infanzia di molte bambine è stata sicuramente accompagnata da svariati bambolotti, tra cui almeno una Barbie. Regalata da un’amichetta o dai propri genitori, la bambola statunitense prodotta dal 1959 ha avuto molti ruoli per le bambine. Il personaggio ludico, però, ha avuto anche un’importante e più apprezzabile funzione, quella di promuovere l’uguaglianza dei sessi. E così alla Barbie sono stati affidati molti mestieri, tra i quali l’atleta olimpica, la paleontologa, il medico, la dentista, l’infermiera… I suoi ideatori di recente le hanno fatto vestire dei panni forse un po’ atipici… le hanno addirittura cambiato anche un po’ i tratti somatici. La Mattel, casa produttrice del gioco americano, entro dicembre metterà sul mercato la versione nipponica.

In pratica lei diventa una geisha, con occhi a mandorla e un kimono dalla fantasia floreale e dalle tonalità scarlatte. I capelli sono un po’ raccolti con un classico chopstick ed adornati con due fiori di loto. La donna in mano ha un tradizionale ventaglio dorato e ai piedi un paio di sandali nipponici, con fascette portate alla schiava fin sotto il ginocchio. Lui è un temerario guerriero samurai con tanto di katana nella mano e il torso un po’ scoperto. Anche Ken ha gli occhi dalla forma leggermente allungata e i capelli lunghi raccolti, ma il suo kimono è nero all’esterno e rosso all’interno. I pezzi, appartenenti alla serie Dolls of the World, saranno disponibili a poco meno di 40 $ ciascuno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Tempo esaurito. Ricarica il codice!